martedì 17 marzo 2009

Il Faro




Sta tutta la notte a spiare
alto e lontano sul mare,
occhio di fuoco, di luce pupilla
che altera nel buio sfavilla.
Si spegne, s'accende,
ancora si spegne, più viva risplende.
Ed il mare, che sotto
rimormora roco e ulula fiero,
par dirgli crucciato e severo:
"Che vuoi,
che cerchi, grand'occhio di fuoco?"
E il faro sfavilla, né all'onde risponde.
Ma soave liete parole sussurra
col fido lucente suo raggio
a più di una nave
lontana, sul mare in viaggio.
E corre sicura e tranquilla
la nave sull'onde, guidata
dal calmo grand'occhio che brilla...


Dedicato a Lucia e al suo Ottovolante Magico


Fonte: www.filastrocche.it

2 commenti:

  1. Facile il collegamento: il faro, il tuo blog, TU. Ciao dolcissimo Faro della mia vita

    RispondiElimina
  2. Sei sempre DOLCISSIMA Anima Amica delle Aquile!!! :-D

    RispondiElimina