mercoledì 1 aprile 2009

Il Tamarindo, il Pollo e Raffaele

Raffaele usa nel suo linguaggio culinario il tamarindo come il prezzemolo sposandolo bene nella sua fantasia creativa anche con il gelato.

Ma chi é o cos'é il tamarindo?

Ponendomi questa domanda ed andando alla ricerca della risposta mi si è aperto un mondo! :-D



Il Tamarindo indica é una pianta arborea, molto longeva, sempreverde, appartenente alla famiglia delle leguminose, originaria del Madagascar e poi diffusasi nelle altre aree tropicali e non. Gli Arabi lo chiamarono Tamar hindi da "Tamar", dattero e "hindi", indiano. Può raggiungere anche i 30 metri d'altezza e un diametro di 7. E' un albero maestoso, i suoi rami dal fogliame leggero sono ricadenti come quelli del salice piangente.
Le foglie pennate sono verde lucido sulla parte superiore e verde pallido in quella inferiore. I fiori, grandi, irregolari, profumati, giallo-verdastri sono riuniti in infiorescenze. Il frutto è un legume pendulo color nocciola, incurvato e lungo da 10 a 15 cm, che contiene polpa e semi duri.

Il cuore del legno del tamarindo, grazie alla sua durezza, é usato per fare mobili e soffitti; le foglie sono usate in India e in Africa per nutrire i bachi da seta, che così producono una seta di migliore qualità; inoltre, foglie e fiori trovano applicazione nei mordenti per tingere stoffe, cuoio e cappelli di paglia. In molte zone dell'India gli alberi di tamarindo, dei cui frutti sono ghiotte le scimmie, sono comunemente usati per ombreggiare le strade.

Il sapore di questa spezia appiccicosa é strano, insieme dolce e fruttato, acido e molto rinfrescante. Si utilizza il tamarindo come si servirebbe del limone, cioé per aromatizzare e acidificare i cibi. La polpa dei frutti acerbi é molto aspra ed é quindi adatta a piatti salati, mentre i frutti maturi sono più dolci e possono essere usati per dessert, bevande o spuntini. Questa polpa é usata come spezia sia nella cucina asiatica quanto in quella latino-americana, in particolare caratterizza il sambhar, la tradizionale e gustosa zuppa indiana di lenticchie e verdure. La polpa fresca privata dei semi si trasforma in confettura o in composta. Il succo di tamarindo rientra nella preparazione di sorbetti e bevande rinfrescanti. Nella cucina occidentale è un componente importante della famosa salsa Worcester.

Questa spezia contiene molta vitamina C, zuccheri, minerali, in particolare calcio, ferro e potassio. In India é usato nella medicina Ayurvedica per chi soffre di disturbi gastrici o digestivi e contro il mal di denti. Ha proprietà leggermente lassative, é utile per i disturbi intestinali; la marmellata di tamarindo è efficace contro le coliche dei bambini; sotto forma di tisana é usato nelle Filippine per curare le febbri reumatiche, la dissenteria e la malaria. Ottimo antisettico, è anche impegnato per bagni oculari e per curare le ulcere.

Ovviamente, la mi ricerca mi ha portato a scovare questa ricetta indonesiana

POLLO AL TAMARINDO



Ingredienti per 4 persone
4 fuselli di pollo
4 sovracosce di pollo
80 ml di concentrato di tamarindo
2 cucchiaini di coriandolo macinato
1 cucchiaino di curcuma macinata
2 spicchi d'aglio schiacciati
2 cucchiaio d'olio d'arachidi o di girasole
2 peperoncini rossi tritati finemente
6 cipollotti tritati finemente
olio per friggere

Togliete la pelle al pollo; quindi mettete i pezzi in una pentola e coprite d'acqua. Portate sul fuoco e fate sobbollire, coperto, per 15 minuti fino a cottura ultimata. Scolate e fate raffreddare. Preparate una marinata mescolando il tamarindo, il coriandolo, il cumino, l'aglio, versatela sul pollo e mescolate bene. Coprite e fate marinare in frigorifero per 8 ore. Scaldate l'olio in una padella. Unite il peperoncino e il cipollotto, quindi fate saltare a fiamma dolce per 3 minuti. Tenete da parte. Fate scaldare in una grande padella l'olio per la frittura. Unite il pollo e fatelo saltare a fuoco medio in tre turni per 5 minuti fino a che sarà ben dorato. Sgocciolatelo e mettetelo sulla carta da cucina; tenete in caldo. Servite il pollo accompagnato dalla salsa al peperoncino a parte.

Fonti
www.flickr.com
Spezie - Leonardo Publishing

2 commenti:

  1. Ciao dolce Anima,
    beh... fra Ori, Antonellina e Raffaele, stai facendo regali a tutta la tribù! Brava!
    Appena riuscirò a respirare magari riuscirò a provare anche le tue ricette!
    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Ciao Bellissima! Ma che fine hai fatto martedì???? La tribù per me é fonte d'ispirazione, ho molte novità che bollono nel mio calderone!!! Spero di riabbracciarti presto!!!

    RispondiElimina