mercoledì 25 novembre 2009

La Madonna della Salute



Ogni anno, il 21 di novembre si svolgono a Venezia ed in tutto il Veneto le celebrazioni per ricordare la fine della terribile pestilenza diffusasi in tutta Europa e descritta con molta efficacia da Alessandro Manzoni nei suoi "Promessi Sposi".
Nel '600 la Serenissima combatteva per liberare i territori italiani dagli spagnoli. Assieme agli spagnoli c'erano i tedeschi e con i tedeschi, arrivò anche il morbo della peste.
Nel giugno del 1630, oltre i soldati di ritorno a casa, arrivò a Venezia anche l'ambasciatore del ducato di Mantova. Provenendo da una zona infetta, fu messo in quarantena nell'isola del Lazzaretto Vecchio. Bastò un'unica persona, un falegname di Venezia a contatto con l'ambasciatore che a ritorno alla sera a casa propagò il morbo a tutta la città: prima nella zona di S.Vio e poi dappertutto.
I Provveditori alla Sanità, già operanti durante la grossa epidemia del 1575, emanarono molte disposizioni come bonificare le case insane, dividere gli ammalati nei vari ospedali e mandare a lavorare nelle campagne le persone non infette. Il patriarca Giovanni Tiepolo ordinò preghiere pubbliche in tutta la città e processioni. Le vittime solo nel mese di novembre furono 11.966. Si pensò allora di fare un voto di edificare un tempio a Dio, come avevano già fatto con la chiesa del Redentore nel 1576, dedicando alla Madonna una Chiesa alla Vergine Santissima intitolandola Santa Maria della Salute. Dopo un anno e mezzo e con quasi 50.000 vittime la peste finì.

Anche a Fonte é presente un Santuario della Madonna della Salute e tutti gli anni si svolgono i festeggiamenti in suo onore a cui vanno in veste di rappresentanza familiare Papà e Mamma con nostra grande invidia che rimaniamo a casa per i soliti impegni lavorativi :-(

Comunque per vivere un po' dell'atmosfera festosa mista a devozione e ricordi contadini, ho ideato questa ricetta.


CAVOLFIORE ALLA FONTE ALTO




1 chilo di cavolfiore
50 grammi di burro
100 grammi di pancetta a dadini
30 di prezzemolo tritato
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
q.b. Sale
q.b. Pepe

Mondare il cavolfiore, lavarlo e lessarlo in acqua salata per 10 minuti circa. Scaldare il burro in un tegame unire la pancetta, il prezzemolo, la cipolla, lo spicchio d'aglio e lasciar rosolare a fuoco moderato. Aggiungere il cavolfiore tagliato a cimette. Il sale e il pepe mescolando con attenzione per non frantumare il cavolo e lasciare insaporire a fuoco molto basso. Spolverizzare con il parmigiano coprendo il tegame finché il formaggio non sarà fuso. Servire molto caldo.

Ricetta apparsa nella newsletter di
QBSPACE di Venerdì 13 Novembre 2009.

Nessun commento:

Posta un commento