sabato 30 gennaio 2010

La fase detox continua...

Primavera, Primavera, ma dove sei finita? Basta neve e gelo é tempo che qualche timido Bucaneve faccia capolino! Uffi, anche ieri sera il cielo ha regalato fiocchi di neve, ma Io continuo a sperare che la Primavera a breve regalerà nuovi colori a questa Natura gelata ed addormentata, intanto mi preparo con un altro piatto detox!


RADIATORI DETOX



320 grammi di radiatori
1 carota
1 gambo di sedano
1 cipolla
2 cucchiai d'olio di pistacchio
un pizzico di cumino
q.b. Sale
q.b. Pepe

Grattuggiare la carota, affettare finemente sedano e cipolla ed aggiungere il composto ai radiatori lessati insieme al pizzico di cumino, condendo con olio di pistacchio, sale e pepe.

Ricetta apparsa nella newsletter di QBSPACE di Venerdì 29 Gennaio 2010.

sabato 23 gennaio 2010

Effetto Space Clearing

Sotto l'effetto dello space clearing, che sto praticando da una settimana e che credo durerà fino a metà febbraio, posto una ricetta molto gustosa ma allo stesso tempo detox!



Risotto all'arancia con trota al cartoccio





750 grammi brodo vegetale
300 grammi riso Carnaroli
100 grammi olio extravergine
50 grammi cipolla
50 grammi grana grattugiato
2 arance
1 trota cotta al cartoccio
q.b. Rosmarino

Scaldate grammi 70 d'olio, evitando che frigga, in un pentolino ed unitevi un rametto di rosmarino. Spegnete il fuoco, lasciate intiepidire, poi eliminate il rosmarino. Soffriggete la cipolla tritata con l'olio rimasto per 2-3 minuti, unitevi il riso, fatelo tostare per 1 minuto e proseguite la cottura con il brodo bollente. Grattugiate la scorza di un'arancia e aggiungetela al risotto dopo 9-10 minuti. Il riso sarà pronto in 18 minuti e dovrà risultare asciutto. Mantecatelo con il succo delle 2 arance, l'olio al rosmarino, il grana, i filetti di trota cotta al cartoccio una macinata di pepe ed aghi di rosmarino come decorazione.

Ricetta apparsa nella newsletter di QBSPACE di Venerdì 22 Gennaio 2010.

domenica 17 gennaio 2010

Brrrrrrrrrrrrrrrrrrrr........................

Oggi é una giornata gelatissima, da starsene sul divano, musica di sottofondo in compagnia di un buon libro e gatta ronfante a fianco... e mentre ero persa in questi pensieri, per il mio pomeriggio da 10 e lode, ho preparato un pranzetto veramente light!


Frittata contadina



6 uova
200 g di cipolla rossa di Tropea
400 grammi di verza
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
q.b. pepe di mulinello
1 patata
 
Pelare e tagliare la cipolla a listarelle sottili. Lessare la verza e la patata. Scaldare dell’olio extravergine d’oliva in una padella antiaderente, aggiungere la cipolla tagliata e la verza e cuocere su fiamma moderata. Passare la patata al setaccio. Sbattere le uova, condirle con sale e pepe , aggiungere la patata ed il composto di cipolla e verza . Informare la frittata a 200 ° per 10 minuti. Servire subito.
S'accompagna perfettamente con patate lesse.

Ricetta apparsa su QBSPACE di Venerdì 15 Gennaio 2010.

giovedì 14 gennaio 2010

Le Ecobag della Strega



Con l'approvazione della Finanziaria 2007, dal 1 gennaio 2010 é entrato in vigore il divieto di produzione e commercializzazione di buste in plastica non biodegradabili, come definito dalla direttiva Ue. Pensate che nel 2009 in Italia si sono consumate ben 2 miliardi di buste, 400 a testa. Per realizzarle ci vuole il petrolio e per smaltirle si rovescia anidride carbonica nell’atmosfera, circa 200 mila tonnellate.
Per dare il mio piccolo contributo in difesa dell'ambiente quest'anno ho regalato per Natale le "mie" Ecobag.
Grazie alla mia sorellina Monica di Artespressione, che ne ha creato i disegni e la produzione vera e propria, abbiamo messo in circolazione queste sporte che hanno riscosso un successo che ci ha stupito.

Quindi a grande richiesta per TUTTI: ora sono i vendita le Ecobag della Strega!!!

Il costo é di Euro 5,00 a Ecobag + le spese di spedizione di Euro 6,40 in contrassegno (con sconti per chi ordina più di una Ecobag) per chi ha il paypal invece i costi di spedizione sono di Euro 5,50.

Le dimensioni della ecobag sono: 43 cm.x38 cm.

Gli ordini si ricevono scrivendo all'indirizzo: saporimadreterra@gmail.com

sabato 9 gennaio 2010

Betty chiama e Cavoletto risponde!

Blumbe, blumbe, blumbe...
Sapete quando dovete preparare un piatto d'effetto e siete colpiti dal vuoto cosmico?
Io ho la soluzione: Il Libro del Cavolo!
Mi ha letterlalmente salvato!!! Lì ho trovato una ricettina delicata (a cui ho apportato delle modifiche per adattarla al mio stile) che ha meritato la OLA della tavolata :-D



BLANQUETTE DE VEAU



800 grammi polpa di vitello
1,5 litri di brodo di verdure
200 grammi cipolline fresche
2 dl panna fresca
1 dl di marsala
2 cucchiai di farina di riso
1 cucchiaio di burro
1 tuorlo
1 limone
q.b. sale integrale

Far rosolare la carne, tagliata a pezzettini, nel burro finché sia leggermente dorata. Aggiungere la farina, mescolare, poi versare il marsala, lasciar evaporare, versare il brodo e lasciar cuocere a fiamma bassa per circa 1 ora e 30 minuti (la carne dovrà essere tenera e il liquido ristretto). A metà cottura aggiungere le cipolline intere. Infine, sbattere il tuorlo con la panna e il succo di mezzo limone, aggiungere nella pentola con la carne, mescolare e lasciar cuocere per un minuto e poi spegnere. Aggiustare di sale e servire.


GRAZIE SIGRID! :-DDD